ANNO GIUBILARE DI S.LUCIA FILIPPINI

ANNO GIUBILARE DI S.LUCIA FILIPPINI

1672 2022

Si aprono domenica 16 gennaio 2022 i festeggiamenti a Montefiascone, ma in tutta la diocesi, per i 350 anni dalla nascita di Santa Lucia Filippini compatrona della Diocesi di Viterbo. Nata a Corneto (oggi Tarquinia) il 13 gennaio 1672 e morta a Montefiascone il 25 marzo 1732. Una vita segnata dalla fede e dall’amore per il crocifisso che ha amato e portato come segno nella evangelizzazione ancora oggi conservato nella casa madre a Montefiascone. Ha fondato la Congregazione delle Maestre Pie Filippini ed è stata insieme a Santa Rosa Venerini (viterbese) tra le sante donne, prime in Italia, a fondare le scuole cristiane per l’educazione cattolica dei fanciulli e dei ragazzi.A Montefiascone in Cripta è conservato il suo corpo (foto), mentre una statua in marmo la troviamo in alto a sinistra appena si entra nella Basilica Vatican di San Pietro a rilevanza del suo impegno di educatrice nella Chiesa.Il Papa in occasione dello speciale Giubileo ha concesso un particolare anno di grazia e l’apertura della porta santa che il nostro Vescovo Mons. Lino Fumagalli aprirà domenica mattina a Montefiascone alle ore 10.30

OPEN DAY

Nel cuore di Bitonto da più di cent’anni, la Scuola dell’Istituto Paritario Sacro Cuore delle Maestre Pie Filippini crede in un’educazione basata sui principi della religione cattolica e fondata sulla professionalità di maestre che guidano i bambini nel percorso di crescita con passione, amore e competenza rispettando i ritmi e le esigenze delle differenti età.
I tempi distesi, la routine con cui viene scandita la giornata, il clima sereno sono fondamentali per trasmettere quella sicurezza di cui i bimbi hanno bisogno per stare bene.

L’Istituto apre le porte a tutti coloro che vorranno visitarlo ,rispettando la normativa vigente sulle misure di prevenzione di COVID 19, per conoscere gli ambienti e le attività curriculari ed extra curriculari che si attuano nella scuola Primaria, nella scuola dell’infanzia e nella sezione Primavera,

Apertura della Porta Santa

SABATO 26 MARZO 2022, ALLE ORE 11:00 ci sarà…

…l’apertura della Porta Santa a Bitonto nella chiesa dell’Istituto via C. Rosa, con Celebrazione presieduta da sua Eccellenza Mons. Emidio Cipollone, Arcivescovo di Lanciano e Ortona, con Don Gianni Giusto e Don Francis Xavier. Molti saranno gli eventi programmati per rendere sempre più attuale la figura di questa Santa poco conosciuta, ma tanto amata, perchè dopo 350 anni…la Sua luce splende ancora!

SANTA LUCIA FILIPPINI: UNA VITA PER GLI ALTRI. A MONTEFIASCONE INAUGURATO L’ANNO GIUBILARE

MONTEFIASCONE (Viterbo) – Sono iniziati oggi, domenica 16 gennaio,  a Montefiascone e in tutta la diocesi di Viterbo, i festeggiamenti per i 350 anni dalla nascita di Santa Lucia Filippini, compatrona della Diocesi di Viterbo.
Stamattina, alle ore 10,30, il Vescovo mons. Lino Fumagalli, ha aperto la Porta Santa e inaugurato l’Anno Giubilare a Montefiascone, alla presenza delle massime autorità civili e militari. Presenti i Sindaci dei Comuni del territorio.

In occasione dello speciale Giubileo, il Papa ha concesso un particolare anno di grazia e l’apertura della Porta Santa.
È stata impartita da mons. Lino Fumagalli l’indulgenza plenaria e la benedizione ai fedeli.
Il Vescovo ha ripercorso i tratti principali della vita della Santa, una vita segnata dalla fede, dall’amore per il crocifisso, per il prossimo e per i bambini. Una vita dedicata alla fede. Santa Lucia Filippini era nata a Corneto ( Tarquinia) il 13 gennaio 1672 ed è morta a Montefiascone il 25 marzo 1732. Ha fondato la Congregazione delle Maestre Pie Filippini ed è stata tra le prime donne in Italia a fondare una scuola cristiana per l’educazione cattolica dei fanciulli. Il suo corpo è conservato nella Cripta a Montefiascone e una Sua statua in marmo si può trovare nella basilica di San Pietro a testimoniare la rilevanza del suo impegno di educatrice nella Chiesa.

Il Vescovo ha poi sottolineato l’importanza della formazione globale delle nuove generazioni. “Viviamo in un’epoca di analfabetismo religioso. Abbiamo la prima generazione di giovani non credenti, l’allontanamento delle 40enni, manca spesso la figura del padre, viviamo in un agnosticismo preoccupante. È un motivo di riflessione anche per i Sindaci presenti.” Ha detto monsignor Fumagalli durante l’omelia.

“Ci vorrebbe maggior attenzione alla famiglia, comunità di vita e d’amore, ove si forgiano le nuove generazioni e si prepara la nuova società.
Le nostre scuole dovrebbero mirare a coinvolgere le famiglie degli alunni in una crescita spirituale e morale. Spesso chiedevo ai bambini: -Da grande cosa vuoi fare? Quale famiglia vuoi formare? Temo che oggi direbbero:” Cos’è la famiglia?”.
Bisogna riscoprire la chiesa come nostra famiglia, la comunità in cui si sentono tutti attivi e partecipi.
C’è urgenza di formare comunità vive. Il 60 % dei sacerdoti della diocesi di Viterbo viene da Montefiascone grazie anche alle maestre Pie.
Importante è anche la dimensione contemplativa di Santa Lucia e la sua volontà di incontrate Dio. Gli educatori devono attrarre gli altri con rigore morale e fede. Il carisma di Lucia ci sostiene e sia da esempio per la nostra chiesa.”